“L’anima è anima anche in connessioni di membrane e cellule. Filigrane di tessuti, chimiche spicciole e processi in catene pitagoriche.

Lo è nella mole, nelle pieghe e rughe sovrapposte, nella fisiologia o meccanica biologica dalla fattura ignota, unica, irriproducibile.

Al mistero non mi serve mistica, ma lo sguardo emerso dall’abitudine e dall’incrostazione di concetti.”

Diario di un di un darwinista. Frammento.

1484195_10201213372192983_1262293621_n