Al pozzo del perduto

Al pozzo del perduto interroga lo specchio.  “E’ tuo questo ventre dilatato e prosciugato?” “No. Io non lo ricordo…” “E’ tuo questo torace collassato, questo costato capovolto, accartocciato?” “No. Io non li ricordo…” “Sono tuoi questi fianchi sbilenchi, ritorti?” “No. Io non li ricordo…” “E’ tua questa colonna indistinta,  questi omeri ciondolanti?” “No. Io non…

Se non dovessimo salvarci

Quanto amai Dio ti amai non serve che lo dica stridente sottofondo roco tu sei al passo – Quanto amai Dio ti amai e io non conobbi il suo volto ma distinto il suo profumo, orizzonte – Quanto Dio amò me ti attesi e fondo il dolore dello snaturarsi, capovolto volto perché non fossi sola…

Perimetri

Parlare Tacere – Cercarti Fermarmi – Dimenticare come non essere – Non essere mai stata. – Le porte sono chiuse. Io non sono io, mi fingo. – Non sono mai io. – Lì, ci sei tu. Dove ho chiuso gli occhi perché muro era il confine di carta e abisso. Dipinto di Carlo Cordua