Noi tutti speriamo in un Paradiso

Noi tutti speriamo in un Paradiso

in cui appaia ogni perdita e ogni ferita scompaia.

E se fosse invece una sede

in cui ogni mancanza è quiete?

In cui ogni strappo è gioia che si gloria da sé

e la forma si accetta per ciò che è?

Il filo è un racconto che si spiega cantando

per dire al mondo soltanto:

“Quant’è bello questo girotondo!”

 

13939545_523514491179000_8938289753917032398_n.jpg

Opera di Luigi Russo Papotto

Alle tue dita

Per te non tesserò con stilo di laude

poiché tu non verrai più a salvarmi,

sebbene mi appelli spesso al tuo nome,

quando il vuoto tenebra il giorno,

braccio-abbraccio.

Eppure vorrei tramutarmi in materia inerte

che non sente e non dice, ma giace per te.

Un lino di cielo che ti scalda la pelle

sotto bottoni richiusi con cura alle tue dita.

Un grigio d’asfalto che alla tua suola ti protegge il futuro.

Un nero di laccio che stretto scongiura l’inciampo.

Un folto cappuccio dietro cui oscurare lo sguardo.

Un vetro d’occhiale che ti impedisce di mostrarti profeta.

Un camice lindo che ti veste di ciò che hai scelto

o sempre sei stato.

Così similmente vorrei lasciare la traccia

di un pensiero che ti segue e che resta.

Ed è più ciò che non è detto.

11014875_959382987447459_2787804693005214108_n.jpg

Foto di Estéban Pozzuoli