Io alternativo

Per chi crede in un pensiero autonomo, personale e alternativo.

Per chi crede in una vita alternativa, nel dono prezioso che essa racchiude in sé: vedere la realtà da un punto di vista privilegiato.

Per chi crede dunque nei punti di vista alternativi come essenziale contributo alla crescita dell’umanità.

Per chi crede ancora nella condivisione, nel confronto, negli sguardi lunghi che raggiungono l’oltre.

Infine per chi non teme le scalate, non rimane vinto dalla fatica e dall’angoscia del cammino, ma con costanza pone i passi l’uno dietro l’altro in attesa di raggiungere una veduta superiore.

Questa un po’ sono io.

io

 

Email:  pt@live.it

9 thoughts on “Io alternativo

  1. per chi vive di sorrisi altrui ..
    per chi crede che un bambino possa afferrare con la sua manina un solo dito di un adulto..
    per chi si chiede se l’impossibile sia possibile abbracciando altri orizzonti..
    per chi di un sogno ne fa certezza…
    per chi ogni giorno fa i conti con realtà e proprio destino..
    per chi si vuol bene…
    per noi,infine.

  2. Paola devo leggerti tutta, di sana pianta e ci vorrà tempo: il primo impatto mi racconta di un lirismo sofferto, di una sintassi preziosa e ardua. Credo che non sarebbe potuto essere altrimenti dopo averti conosciuta. Voglio che tu sappia che ti leggerò come sempre faccio, mente aperta e critica e cuore apeerto e molle alle emozioni-
    Dott. Riccobono

    • Paola sono in grado di scindere i due aspetti del contatto con te: non è facile ma so farlo. Qui per me sei solo una blogger, tutto il resto non esiste altrimenti è finita. Temo invece, avendo dato un lungo sguardo in giro sul tuo blog, che questo problema esista per altri che vengono a visitarti: non ti dirò una cosa per l’altra pensando al tuo stato. qui si scrive, questo è il regno del concetto e dell’idea, del sentimento trasmesso e portato su un piano metafisico, l’organico ( il tuo e il mio) vanno sullo sfondo. Diversamente sarebbe solo una chat un po’ ridicola, non credi?
      Aumenta la grandezza dei caratteri che io ho la vista stanca ( richiesta organica) ciao.

  3. Pingback: Sicilia, tra SOGNO e POESIA (intervista a Paola Tricomi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...