Mie costellazioni

il

Alla mia Berenice

Sogno boccoli d’oro,
d’intrecciarli fra le dita,
d’intrecciare intrecciare intrecciarmi
inebriarmi…
dolce fruscio odoroso…
nella Notte ferma,
opaca, trattenuta,
dai torrenti di parole mai ascoltate,
calligrafie ricurve, contorsioni,
priva di stelle,
tessere mie costellazioni

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Maria Pia Ines ha detto:

    Che bella! ** … però vorrei una delucidazione: quel “tessere” finale a cosa si riferisce?

    1. paolatricomi ha detto:

      Tessere come una tela costellazioni coi capelli, ma…ehiiii non lo sai che le poesie non si spiegano??

  2. Anna Pennisi ha detto:

    Qualsiasi parola che si perda nel tempo e nello spazio verrà ascoltata da qualcuno in un luogo remoto dell’universo…magari da un’anima… dalla nostra anima segreta…la sola in grado di leggere in silenzio contorsioni…ricurve calligrafie…

    1. paolatricomi ha detto:

      solo la nostra anima, si…

  3. Alexander Adorno ha detto:

    E’ stupenda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...