Sotto le stelle

– Anima mia, tu credi che la primavera tornerà,  potrebbe ritornare?

– La primavera torna sempre!

– Non quella.  Dico La Primavera: quando mi poggiavi la testa sulla spalla e sentivo il tuo profumo e mi tenevi  sempre  la mano, come io la tua in un dito, e respiravo al tuo respiro e nei tuoi occhi mi vedevo e nella loro luce leggevo ogni ombra …

– No, anima mia, non tornerà.  Il nostro tempo è lineare, non circolare.

– Perché? Non è possibile che si riviva? C’è chi dice che all’infinito due rette parallele s’incontrano perché lo spazio tende a curvarsi. Pure l’orizzonte si ricurva perché il mondo è sferico!

– Non viviamo l’infinito, anima.  La mancanza è il senso del nostro essere, del nostro umano esistere.  Mancanza di tempi, luoghi, persone, risposte.

_ La mancanza, come lo spazio bianco tra il dito di Adamo e Dio!

– Si!

– Ma è forse nell’anelare il segreto dello  sfioro …

Che senso avrebbe sennò  questa sete costante, questa mancanza?

– Lo sguardo alto del pastore nella lunga notte buia…

Anima mia, devi lasciare andare me ed il tempo passato… Lasciami andare…

– Ma io non posso! Non posso dimenticare! Non posso
lasciarmi scorrere tra le dita quel che sono!

– Lasciami andare…Dobbiamo imparare a lasciare andare…

Quel che ti è ancora necessario rimarrà.

– Mi è necessario l’infinito.

Lo attenderò, anima mia. Perché allora questa parola ancora, “anima”?

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Vanessa ha detto:

    ….il mio preferito:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...