Nel giorno dell’attesa

Ad attendere la notte, in questo giorno d’attesa, ripenso.

E mi sovvien Leopardi ed il suo eterno, la tensione sua d’animo.

Mi sovviene, riemerso, il pensiero delle attese dei miei natali passati  e delle letture a scandirne il tempo.

Riemerge un’umile lettura di qualche anno fa che pure ha lasciato un sedimento: L’alfabeto dei sogni di Susan Fletcher.

Perchè il Natale è solo una stella, un segno nel cielo, un sogno da seguire, un misero lembo di panno colto ad un neonato che si andò a visitare per quel sogno del tutto surreale.

“I sogni possono nutrirti, possono portarti in posti inimaginabili” S. Flecter

Perchè il Natale è quel misero lembo di panno strappato, stretto fortemente nella mano, capace di donare la speranza di una salvezza all’interno di un Qanat nel deserto.

Il Natale è la speranza stretta nella mano…

Tanti auguri a tutti! 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...