Farti farmi una culla

A te e il tuo calore mozzo

Farti, farmi, una culla,

lento cullare

lontano lontano lontano

nel silenzio e la penombra,

nella luce del calore profondo

avvolgere ricolmo,

amore che da,

amore  che è senso

senza questione

senza senso,

amore di una sola posa

che sconosce fremito, smarrimento, perdita franosa,

amore di sola pace

infusa densa infinita

che è senso senza senso,

squarcio d’un respiro mozzo.

 

Una culla lontana lontana

per questo sentirsi,

allo specchio dell’altro cercarsi,

rattopparsi a cuori con cuori

e oscuro espirare senza un’alba.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...