Amico mio, spogliati 

Amico mio, spogliati

e nudo vieni da me 

perché solo il tuo cuore nudo sarà capace di accogliere 

ciò che non so dire. 

Non è più tempo di tergiversare, 

non resta tempo per ritrovare ciò che siamo.

Non resta, amico mio, altro. 

Oltre questa attesa titubante, 

oltre il miraggio temerario, 

non resta qualcosa che non sia tempo 

e sai, il tempo non esiste. 

Spogliati, amico mio, ora e nudo corri. 

Nessuna vergogna e nessuna paura sono radici: 

ciò che sei è al fondo della tua nudità 

ed è la superficie ardente, 

la pianta dei piedi del tuo essere. 

Amico mio corri a perdi fiato per la mia strada buia, 

vienimi a scovare alla tana negletta, insidiosa 

ricordami i tuoi occhi su cui riflettere 

quel dolore nostro, 

quel dolore antico 

che noi ben sentivamo in un solo petto 

e non sappiamo dire. 

Ti prego, ridimi, di quel tuo riso strano 

che a me pareva eletto, 

fingi ancora la tua speranza solo per me. 

Ti prego portami via in salvo. 

Spogliati e corri, amico mio, verso di me. 

Non resta tempo per ritrovare ciò che siamo.

Non resta, amico mio, altro. 

12795171_1009425395759622_7596693564186454623_o

Opera di Benedetto Poma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...