Tu sei la mia paziente e ridi.

Sei la mia paziente e mi abbracci e mi disegni cuori

e mi racconti il tuo senza domande.

Sei la mia paziente e mi guardi con certi occhi

grandi

e mi prendi le mani per metterci dentro

tutto quello che hai. Speranza.

Ma tu sei la mia paziente e io resto fermo

nella poltrona delle mie nozioni,

nel mantello di distacco che mi hanno insegnato

prima di tutto,

incappucciato di verità tracotanti,

incapace di salvare me stesso.

Tu ridi e io rido,

l’incoscienza delle mani mi fa coordinata,

mentre maneggio la materia di Dio:

la tua carne.

i-have-a-wingback-chair-but-it-needs-reupholstery-maybe-a-simple-fabric-would-give-it-a-classic-look

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...