Un dorso ad uno stagno

Ti ho sentito gettare una pietra nello stagno e dello zampillìo non so se sia giunto a bagnarti il dorso della mano, qualche ruga delle dita. – In me si è inondato tutto. – Credevo che fossi nato per mio dono, ma ti piace disfare le favole. E io sì, mi innamorai per come eri…

Luce di membrane

La materia suona – una pietra opaca cadendo ha un tonfo sordo – una sfera vitrea tintinna in mille frammenti – La materia vibra e si contagia di moti ad onde ritmati tra crepature – Ad onde il cuore irrora sangue, cadenzato di battiti incuneato in respiri Le rughe dell’epidermide sono calde, illuminate da correnti…