Un dorso ad uno stagno

Ti ho sentito gettare una pietra nello stagno

e dello zampillìo non so

se sia giunto a bagnarti il dorso della mano,

qualche ruga delle dita.

In me si è inondato tutto.

Credevo che fossi nato per mio dono,

ma ti piace disfare le favole.

E io sì, mi innamorai per come eri capace di salvarti,

che così avresti salvato anche un po’ me.

Non ci si salva in due,

nessuno è mai un dono a senso solo.

Senso non ha questo stridore.

Cosa vuoi che sia un sasso rimasto al fondo?!

E non è colpa un gesto poi disperso

come un sentirsi  a cui il filo si è rotto.

Senza rumore,

quanto mai esistiti, né percepiti

un dorso ad uno stagno,

un’inondazione.

 

75380022_2433110916950723_5147093012299382784_n

Immagine di Chiara Nott

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...