La mia casa

La mia casa è allo steccato delle ombre

dove ramifica stellato miraggio,

uno spiraglio.

La mia casa è alla porta trasparente

dove tutto é e niente 

tacendo risonante.

L’alba risorge.

La mia casa è al confine del contorno,

margine della patria dell’errare:

spezzettato, continuo.

E’ il suolo la mia panca al tuo giaciglio,

alla tua crepa…

Che non s’arresta! Che non s’arresta!

Tacendo risonante.

Alle crepe…

Che non s’arrestano! Che non s’arrestano!

L’alba risorge.

Delle tue mani contratte, del tuo sguardo sperduto ed assetato:

la mia casa è ascolto per cui non so e resto,

dove la rete é uno strappo irreparabile, 

incomprensibile.

Varco,

vibrante vuoto.

La mia casa è ” Io ti sento”.

Non il tuo nome, non il crepitio del tuo dolore

io so e ferma sono il suo riflesso.

“Siamo soli di fronte al nostro cuore”

e tutto é e niente.

IMG-20151011-WA0001

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...