Perché è il suo tempo

il

Verrà l’estate

come l’ho sempre conosciuta

nella terra stanca e ferma, ma nutrita

di sogni di frutti e mare.

Verrà l’estate

opulenta di odori-suoni

– di zagara, di gelsomino -,

colori sparsi dell’arsura,

dorato rosseggianti.

Verrà l’estate anche se inutilmente,

anche se non l’ho chiesta,

anche se non è tempo,

anche se la porta è chiusa,

anche se il labirinto è aperto,

anche se io sono prigioniera

di me stessa, anche se

non posso più volare.

Verrà perché è il suo tempo,

a ricordarmi che la libertà

è sempre stata solo questa,

così piena dentro me da non tenerne conto.

Così bistrattata, ripudiata

verrà a ricordarmi che sono tutto ciò che disprezzo.

Non tornerai tu,

anche se ti ho sempre amato,

non come si ama un’anima,

ma come ci si ama ferendosi nei corpi,

anche se ti sento dentro.

Non tornerai,

anche se in quell’organo fatto di carne

che suona il battito del tuo esistere

c’è integralmente il mio.

E lo farai nella tua piena assenza

a ricordarmi che sono un frutto

dal gusto inesplorato,

forse il più inebriante

a cui nessuno arriva.

Verrà l’estate e marcirà ogni frutto

e la sete resterà

intatta dissipandosi.

Schermata 2020-04-19 alle 00.25.40.png

Foto di Susanita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...