Il gusto del guscio rotto

Del desiderio è sempre il dubbio

che lo sia davvero.

Che non mi inganni la mente

e proietti l’oggetto tanto lontano

da tenermi in tensione,

ma senza potermi sfiorare.

Penetrare ed essere penetrati,

condurre ed essere condotti,

muovere ed essere mossi,

farsi per fare rivoluzione:

mio cuore, tradiscimi, rigirami,

lasciami riconoscere nel non conoscermi

in scacco al gioco del pensiero!

Solo quando cederò il mio suolo

potrò dire “Io desidero, io sono”.

Crescere e conoscere

non procurano piacere,

hanno il gusto del guscio rotto,

della lacerazione

che scompagina ardente:

senza violenza non c’è evoluzione.

Provare libertà, affermazione, vigore:

ego sulle spalle di qualcuno

che il posto è d’uno

e percepirne la dipendenza da possanza

a bramarla, come se fosse eterna.

86295998_2932138126838592_5749949963589124096_o

Foto di Estéban Pozzuoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...