Sia poesia

Che della solennità di un inno tu non sia rigore,

ma piana poesia, distesa sul giorno,

su quel reale un po’ sbilenco,

sulle venature crepate,

sui spifferi di freddo,

la suola imbrattata.

Che tu sia d’essere aperta,

di protezione come pelle che respira,

che dà forma e che muta,

cresce e invecchia.

Piena di varchi e feritoie e cicatrici

che tu sia del colore del riflesso

come il mare che accoglie il cielo e ogni volto.

Memoria della vita

quanto l’unico strumento dell’incontro

è nella carezza la ferita,

che tu possa rimarginare in fretta,

far la muta, risorgere in te stessa

e lavarti da ogni grumo

mai ferma.

Essere sempre nuova e sempre vecchia,

come nel vino giovane aroma della botte secca.

Trasformare di visione perenne:

la colpa in dono,

la mancanza in vicinanza,

l’assenza in presenza,

la sconfitta in vittoria,

il complesso in semplice parola.

Che tu sia poesia, coltre di sentire,

frammento svanente

nel cuscino della mente.

Schermata 2020-02-11 alle 17.49.52.png

Illustrazione di Francesca Filomena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...